Preparazione biologica del terreno

come-si-combattono-gli-afidi

Gli afidi - o pidocchi delle piante - sono piccoli parassiti che possono manifestarsi dall’inizio della primavera fino alla fine dell’estate, hanno un aspetto caratteristico e puoi riconoscerli facilmente.

Se le tue piante sono state infestate da questo parassita conviene agire tempestivamente per evitare l'indebitamento della vegetazione. In questo articolo troverai le informazioni necessarie per liberartene attraverso l'utilizzo di prodotti naturali selezionati e dall’efficacia garantita.

 

- Leggi anche "Lotta biologica Antiparassitaria agli Afidi" -

 

Perché arrivano gli afidi e come riconoscerli


Gli afidi o pidocchi delle piante possono essere di colore verde, rosso o marrone scuro.

Superano l’inverno allo stadio di uova, generalmente nascosti tra le fessure della scorza, il rivestimento legnoso delle piante.

In primavera le uova si schiudono liberando le fondatrici, femmine che danno vita ad altre generazioni primaverili-estive riproducendosi per partenogenesi fino all’autunno, momento in cui compariranno altre forme di afidi destinate a produrre l'uovo svernante.

Gli afidi adulti si depositano lungo il fusto e sotto la pagina inferiore delle foglie, provocandone l’ingiallimento e il disseccamento. Spesso si riconosce l’infestazione dalla forma arricciata o dalle ulcere provocate dalle punture dei parassiti.


Danni da afidi o pidocchi delle piante

 

Il danno sulle piante è determinato dalle punture di nutrizione e si manifesta con piccole deformazioni delle foglie e galle/necrosi localizzate. Le piante colpite da questo parassita manifestano un generale sviluppo stentato poiché questi parassiti si nutrono di nuovi germogli e fiori, determinandone l'avvizzimento.


Gli afidi producono inoltre abbondante melata, secrezione zuccherina e appiccicosa che richiama le formiche, le quali diffondono e proteggono i nuovi afidi.
La presenza della melata comporta anche danni indiretti dovuti ad asfissia sui tessuti delle piante, ustioni del sole provocati da un effetto “lente” e infine, favorisce lo sviluppo delle Fumaggini, funghi saprofiti che aggravano ulteriormente le condizioni delle piante.

 

Combattere gli afidi con antiparassitari naturali


Puoi ostacolare lo sviluppo e la rigenerazione di questi parassiti in modo totalmente naturale attraverso l’uso di composti biologici, come quelli selezionati e prodotti da 3Errre.

Per la cura delle piante puoi utilizzare Karanjeem, Senaplus, Citrumol, DiatoRock, Castannino o Castannino PB.

Per la prevenzione puoi usare ZeoRock, Castannino PB, Castannino, Karanjeem o Senaplus.



Scopri qui sotto tutte le ricette possibili.


Cura fogliare contro gli afidi con agrofarmaci biologici

 

•  Utilizzare 10-12gr/Lt di Karanjeem nebulizzando le piante sopra e sotto foglia.

•  Utilizzare 8gr/Lt di Senaplus nebulizzando le piante sopra e sotto foglia.

•  Utilizzare 15gr/Lt di Citrumol nebulizzando le piante sopra e sotto foglia.


Trattamenti Potenziati:

 

•  Utilizzare 10gr/Lt di Citrumol + 5gr/Lt di Karanjeem nebulizzando le piante sopra e sotto foglia.

•  Utilizzare 8gr/Lt di Karanjeem + (4gr/Lt di Castannino o 2gr/Lt di CastanninoPB) nebulizzando sopra e sotto foglia.

•  Utilizzare 5gr/Lt di Karanjeem + 5gr/Lt di Senaplus nebulizzando le piante sopra e sotto foglia.

•  Utilizzare 15-20gr/m² di DiatoRock in trattamento polverulento.

•  Utilizzare 10gr/m² di DiatoRock + 2gr/m² di CastanninoPB in trattamento polverulento.

Prevenzione fogliare contro gli afidi con antiparassitari naturali

 

•  Utilizzare 10gr/Lt di ZeoRock + 2gr/Lt di Castannino + (4gr/Lt di Karanjeem o 2gr/Lt di Senaplus) nebulizzando le piante sopra e sotto foglia.

 

 


Nota bene:

•  Tutti i trattamenti nei periodi estivi o in altre condizioni con ambiente caldo e luminoso sono da effettuare nelle ore serali.
•  Dopo i trattamenti fogliari a base di oli nei periodi più caldi, si consiglia di mettere al riparo quando possibile o ripulire le piante nebulizzando acqua dopo 2-3 giorni dal trattamento, onde evitare possibili scottature solari per la rifrazione dell'olio sulla vegetazione.
•  Quando si utilizzano oli vegetali insieme ai tannini, si devono prima mescolare i tannini in acqua e aggiungere successivamente l'olio.



Tutti i prodotti 3Errre sono soluzioni organiche sperimentate e comprovate per la cura e la difesa del verde sia in campo professionale che hobbistico.


I prodotti sono registrati, consentiti e utilizzabili in agricoltura biologica, formulati con ricerca e tecnologie innovative per garantire alte prestazioni agronomiche su tutte le piante.


3Errre promuove lo sviluppo sano e organico nel rispetto della terra e dell’aria: il bene comune più prezioso per tutti.

 


Contattaci su info@3errre.com o scopri il nostro catalogo su www.3errre.com


Iscriviti alla Newsletter